La grazia deve essere gratuita

[9 Settembre]
Meditazione di John Piper

Camminiamo per fede e non per visione. (2 Corinzi 5:7)


Pensa alla salvezza come alla casa in cui vivi.

Essa ti dona protezione. È piena di cibo e bevande che dureranno per sempre. Non si deteriora mai e non crolla. Le sue finestre si aprono su cortili di gloria.

Dio l’ha costruita con costi enormi per sé stesso e per suo Figlio, e l’ha data a te.

Il “contratto di vendita” si chiama “nuovo patto”. E i termini sono questi: “Questa casa diventerà e rimarrà la tua se la riceverai come un dono e se metterai la tua gioia nel Padre e nel Figlio, che abiteranno con te. Non profanerai la casa di Dio offrendo riparo ad altri dei, e non lascerai che il tuo cuore ricerchi altri tesori.”

Non sarebbe da pazzi dire di si a questo accordo e poi ingaggiare un avvocato che possa stilare un piano di pagamento nella speranza di riuscire in qualche modo a pareggiare i conti con il costruttore?

In pratica, non tratteresti più la casa come un dono, ma come un acquisto. Dio non sarebbe più il benefattore che te l’ha donata gratuitamente. E diventeresti schiavo di tutta una serie di richieste che Dio non ha mai pensato di accollarti.

Se la grazia è gratuita – questo è il vero e proprio significato della grazia – non possiamo e non dobbiamo vederla come qualcosa che dev’essere ripagata.