Ecco perché dobbiamo aggrapparci alla nostra speranza

[18 Marzo]
Meditazione di John Piper

Così Dio, volendo mostrare con maggiore evidenza agli eredi della promessa l’immutabilità del suo proposito, intervenne con un giuramento, affinché mediante due cose immutabili, nelle quali è impossibile che Dio abbia mentito, troviamo una potente consolazione, noi, che abbiamo cercato il nostro rifugio nell’afferrare saldamente la speranza che ci era messa davanti. (Ebrei 6:17-18)


Dio non è imprevedibile. Egli non si adopera nel fare promesse e giuramenti, e nell’offrire il sangue di Suo figlio semplicemente per ancorare solo un’estremità della nostra sicurezza e lasciare l’altra estremità a penzolare nell’aria.

La salvezza che Gesù ha ottenuto tramite il suo sangue era tutto il necessario per salvare il suo popolo, non era un sacrificio parziale.

Quindi ci chiediamo, perché lo scrittore dell’epistola agli Ebrei ci incoraggia ad afferrare saldamente la speranza (versetto 18)? Se la nostra speranza è stata ottenuta e assicurata irrevocabilmente dal sangue di Gesù, perché Dio ci dice di afferrarla saldamente?

La risposta è questa:

  • Ciò che Cristo ha comprato per noi a caro prezzo quando è morto non è la libertà di non afferrare saldamente la speranza, ma la capacità di poterlo fare.
  • Ciò che Egli ha comprato non è stato l’annullamento della nostra volontà, come se non dovessimo aggrapparci in modo saldo, ma piuttosto il potenziamento della nostra volontà, affinché potessimo agire.
  • Ciò che ha comprato non è stato l’annullamento del comandamento ad afferrare la speranza, ma il compimento di quel comandamento.
  • Ciò che ha comprato non è stata la fine dell’esortazione, ma piuttosto il trionfo dell’esortazione.

Ha fatto ciò in modo che noi potessimo compiere esattamente quello che Paolo stesso fece secondo Filippesi 3:12: “…proseguo il cammino per cercare di afferrare ciò per cui sono anche stato afferrato da Cristo”. Non è pazzia, ma è il vangelo, dire ad un peccatore di fare ciò che Cristo soltanto può dargli la capacità di fare, ovvero, riporre la propria speranza in Dio.

Perciò voglio esortarvi con tutto il mio cuore: aggrappatevi saldamente a quello per cui siete stati afferrati fermamente da Cristo, aggrappatevi con forza grazie alla sua forza!