Cosa significa amare Dio?

[9 Maggio]
Meditazione di John Piper

O Dio, tu sei il mio Dio, io ti cerco dall’alba; di te è assetata l’anima mia, a te anela il mio corpo languente in arida terra, senz’acqua. Così ti ho contemplato nel santuario, per vedere la tua forza e la tua gloria. (Salmo 63:1-2)


Solo Dio può soddisfare un cuore come quello di Davide. E Davide era un uomo secondo il cuore di Dio. Siamo stati creati per essere così.

Questa è l’essenza di ciò che significa amare Dio – essere soddisfatti in Lui. In Lui!

Amare Dio include obbedire ai suoi comandamenti; include credere a tutta la sua parola; include ringraziarlo per tutti i suoi doni; ma l’essenza dell’amare Dio è amare tutto quello che Egli è. Ed è proprio questo modo di amare Dio che glorifica il suo valore nel modo più completo.

Tutti sappiamo questo sia intuitivamente sia dalla Scrittura. Ci sentiamo più onorati dall’amore di coloro che ci servono per costrizione o per dovere, oppure da coloro che ci servono perché trovano gioia nel servire la comunità?

Mia moglie si sente molto più onorata quando dico “sono felice di poter passare del tempo con te”. La mia felicità è un’eco della sua eccellenza. Ed è la stessa cosa con Dio. Egli è maggiormente glorificato in noi quando noi siamo maggiormente soddisfatti in Lui.

Nessuno di noi è arrivato alla soddisfazione perfetta in Dio. Io stesso spesso faccio cordoglio a causa delle lamentele che fa il mio cuore quando perdo delle comodità terrene. Ma ho imparato e provato che il Signore è buono. Per la sua grazia, ora conosco la fontana della gioia eterna.

Perciò, amo passare i miei giorni facendo conoscere agli altri questa gioia, fino a quando essi potranno dire insieme a me: “Una cosa ho chiesto al Signore, e quella ricerco: abitare nella casa del Signore tutti i giorni della mia vita, per contemplare la bellezza del Signore e meditare nel suo tempio” (Salmo 27:4).